F.A.Q. (Domande Frequenti)

Massimiliano Altobelli, Investigatore Privato a Roma dal 1995.

Alcune risposte alle più comuni domande rivolte ad un Investigatore Privato.


Domande Frequenti
Domande Frequenti

IN QUALI CIRCOSTANZE SI PUO' RICORRERE AD UN INVESTIGATORE PRIVATO?

 

- Ci si rivolge ad un Ivestigatore Privato ogni qual volta si ha la reale necessiàò di voler conoscere, accertare o recepire determinate informazioni utili a far valere un proprio diritto in sede giudiziaria, o per ottenere informazioni preventive, prima di prendere decisioni importanti per un futuro privato e/o Imprenditoriale, sempre nella propria sfera di interessi.

 

LE INVESTIGAZIONI PRIVATE VIOLANO LA PRIVACY?

 

- NO!!! Fermo restando gli obblghi di Legge generali,   l'autorizzazione (artt.134 e seg. del T.U.P.S., nonchè l'Autorizzazione N. 6/2009 Reg. delle deliberazioni n. 42 del 16/12/2006 - Garante della Privacy) al trattamento dei dati sensibili da parte degli investigatori privati, autorizza gli stessi a svolgere indagini aventi le specifiche finalità:

 

- permettere a colui che conferisce uno specifico incarico di far valere o difendere un proprio diritto in sede giudiziaria.

 

- su incarico di un difensore in riferimento ad un procedimento penale, per ricercare ed individuare elementi a favore del relativo assistito, da utilizzare ai soli fini dell'esercizio del diritto alla prova.

 

COME SI SVOLGE UN INVESTIGAZIONE?

 

- Ogni indagine viene condotta con tecniche specifiche relative all'ambito investigaativo richiesto. Se prendiamo ad esempio il classico caso di Infedeltà Coniugale, si prenderà in esame un periodo medio lungo, durante il quale si svolgeranno degli appostamenti e pedinamenti supportati da tecnologie all'avanguardia (Localizzatori GPS). Il Committente verrà informato periodicamente sull'esito delle indagini in corso e terminati gli accertamenti, l' Investigatore Privato sarà in grado, attraverso gli elementi raccolti, di stabilire l'affidabilità del coniuge indagato o di fornire una dettagliata relazione riguardante l'infedeltà del coniuge con relative fotografie.

 

QUANTO COSTA UN INVESTIGATORE?

 

 - Il costo di un Investigatore varia a secondo di alcuni fattori che ne determinano il lavoro, l'impegno e la complessità del caso in questione:

 

- Difficoltà operative e logistiche;

 

- Periodo e durata dell'Indagine;

 

- Impiego di risorse e mezzi;

 

- Aspettative e richieste specifiche del cliente;

 

Si può dire che un prezzo fisso non può esistere, ma che indicativamente si può presumere, a livello statistico, una spesa compresa tra i 1.000,00 e i 4.000,00 euro.

 

POSSO UTILIZZARE LE PROVE DA VOI RACCOLTE IN SEDE GIUDIZIARIA?

 

- SI !!! Gli elementi probatori ottenuti attraverso le indagini di un Investigtore Privato autorizzato, potranno essere utilizzati come prove in fase giudiziale. Inoltre potrà essere richiesta la testimonianza dell'Investigatore Privato che ha svolto l'indagine.

 

E' POSSIBILE INTERCETTARE CONVERSAZIONI TELEFONICHE??

 

- NO!!! Chiunque, ovviamente fuori dai casi previsti dalla Legge, installi apparati, strumenti, parti di apparati o di strumenti al fine di intercettare comiunicazioni o intercettazioni telefoniche o telegrafiche tra altre persone, (anche se si tratta del proprio coniuge) commente un delitto contro la persona. La pena per questo reato e la reclusione da 6 mesi a 4 anni. (art. 617 c.p.).

 

POSSO EFFETTUARE DELLE INVESTIGAZIONI COME PRIVATO CITTADINO???

 

- NO!!! Senza una licenza del Prefetto è severamente vietato ed enti o privati di svolgere investigazioni o raccogliere informazioni su altri individui. Si può incorrere in diverse sanzioni di violazione ai sensi dell'art. 134 del T.U.L.P.S. (Testo Unico sulle Leggi di Pubblica Sicurezza).

 

SVOLGERE LE INDAGINI NEI CONFRONTI DI UN DIPENDENTE E' LECITO?

 

- SI !!!! Il datore di Lavoro può avvalersi di un Investigatore Privato, esterno all'Azienda per accertare un eventuale assenteismo di un dipendente, un'attività illecita commessa dal lavoratore a danno dell'impresa. (False dichiarazioni sul lavoro svolto al di fuori dell'azienda o l'effettivo stato di malattia del dipendente).

 

QUALI SONO LE FORMALITA' PREVISTE PER INGAGGIARE UN INVESTIGATORE PRIVATO?

 

Per assumere un Investigatore Privato, è necessario compilare un Conferimento di Incarico, con il quale si conferisce appunto al Professionista, l'autorizzazione ad eseguire indagini per proprio conto.

L'Investigatore Privato identificherà il Committente attraverso un documento di identità valido dello stesso e compilerà l'apposito Registro degli Affari.

 

 

COSA NON FACCIAMO:

  

- Non intercettiamo telefonate o conversazioni tra i privati;

 

- Non accediamo abusivamente a banche dati;

 

- Non forniamo tabulati di traffico telefonico;

 

- Non violiamo la Privacy delle persone;

 

- Non installiamo microspie "cimici" o quant'altro di

  illecito;

 

- Non effettuiamo operazioni non consentite dalla

  Legge.

 


Massimiliano Altobelli

Investigatore Privato a Roma